Archive for ottobre, 2007

Assisi Second Life fa impazzire gli americani

 Tratto da Il Messaggero.

Il progetto della Basilica è stato aperto il 21 settembre scorso con una cerimonia di inaugurazione di tutto punto. Naturalmente virtuale. E, oltre alla maestria grafica, gli ideatori hanno introdotto una innovazione straordinaria: un display (l’HUD)  che si posiziona sulla testa degli avatar e che permette una visita interattiva dei luoghi e degli edifici, ma anche di ogni singolo affresco, con tanto di audio e spiegazione scritta.  “Questa cosa ha fatto impazzire gli americani – dice Golan Holder – in Second Life non esisteva ancora ed è piaciuta la possibilità di avere un’interazione diretta con le bellezze artistiche”. L’accoglienza è affidata ad un avatar in saio e sandali francescani, gli alter ego dei creatori di questa isola.

A parte le visite guidate interattive che attraggono principalmente turisti americani e tedeschi, l’isola assisana sarà oggetto di lezioni di architettura e di normali scuole. L’ultima richiesta arriva da un insegnante di Reggi Emilia, che sotto attento controllo degli adulti, potrà  mostrare il complesso francescano agli adulti integrando così una normale lezione in aula, senza uscire da essa.

Articolo di giornale de Il Messaggero

Comments (1)

La Basilica di San Francesco, la cosa più bella fatta su Second Life

La Nazione intervista Golan Holder:

“Qualcuno dice che la Basilica di San Francesco da noi realizzata sia la cosa più bella fatta su Second Life – dice Golan Holder, nome d’arte del creatore e proprietario di Second Life Assisi – Per realizzare la basilica ‘virtuale’ abbiamo lavorato in 6 persone a tempo pieno per 6 mesi, ma il risultato è stato giudicato molto positivamente da tutti coloro che l’hanno visto”.

“Gli americani – aggiunge – sono molto attratti da questa nostra realizzazione. Abbiamo avuto consensi da scuole e istituti di architettura: c’è chi l’utilizza per conoscere la basilica, visto che abbiamo previsto la possibilità di un tour guidato, con viste interattive di testi audio e immagini”.

Tratto da “La Nazione”.

Articolo di giornale de La Nazione

Comments (1)